Poesie al tempo del Covid

Nulla sembra più lontano dall’arte e dalla poesia di questa pandemia. Eppure, si può trovare uno spazio per farsi testimoni del proprio tempo o per tradurre in parole il proprio stato d’animo. È quel che ha fatto Stefano Simoncelli (Cesenatico, 1950) nella sua ultima raccolta di poesie, scritte lo scorso anno durante il periodo della quarantena: Un barelliere del turno di notte (Pequod, 2021).

Con i suoi versi, il poeta romagnolo ci dà modo di riflettere sul nostro momento presente: un momento pieno di ansie e preoccupazioni, ma vissuto anche con l’animo disposto ad aprirsi alla speranza, alla bellezza, all’inatteso, come mostra questa poesia che inaugura la raccolta.

Sono giorni attraversati
da febbri sconosciute, untori
invisibili agli angoli delle piazze,
negli abbracci, nei bicchieri
e tra le ombre degli alberi
nei parchi abbandonati

persino dal vento 
che arrivava dal fiume
prendendo d’infilata le strade, qui
dove, in volontaria quarantena
e in contumacia di me stesso,
apro appena una finestra 

su un minuscolo giardino
per una boccata d’aria
che profumi di viole. 

di Elena Rapetti

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito