Fortunatamente

Storiella breve per raccontarvi le sensazioni di una bibliotecaria presente in servizio ad orario ridotto

Sfortunatamente
da due mesi in Biblioteca regnano sovrani il silenzio e il vuoto
Fortunatamente
dalle vetrate si intravede qualcuno alla Casetta dell’acqua
Sfortunatamente
non è possibile ospitare gli operosi gruppi di lettori d’ogni età
Fortunatamente
si rinnova il patrimonio di libri e dvd con novità e doni in quantità
Sfortunatamente
inventare il modo per offrire servizi in sicurezza richiede tempo
Fortunatamente
si va delineando la possibilità di accogliervi per la scelta a scaffale
Sfortunatamente
con mascherina e guanti sarà un po’ strano riconoscerci e dialogare
Fortunatamente
sarà una gran festa scoprire nuovi modi per essere lettori insieme

I lettori di albi illustrati avranno certamente ricordato il bellissimo Fortunately di Remy Charlip, scritto nel 1964 e pubblicato in Italia nell’aprile 2013 dall’editore Orecchio Acerbo. Nell’attesa di tornare a chiedere il libro nella vostra biblioteca, invito tutti a guardare su Youtube la lettura del brano realizzata a Ticonzero o quella in lingua originale inglese proposta da Carolyn Burnett.

DEDICA AI BAMBINI
Sono certa che a molti di voi verrà voglia di descrivere l’altalena delle vostre emozioni di questo particolare periodo. Un gioco che può proseguire all’infinito per riflettere sulle nuove difficoltà e opportunità.
FORTUNATAMENTE… avete l’occasione di inserire alla fine del racconto una immagine-emozione: un momento di festa, una piccola scoperta, un grande affetto, …
E se provassimo a cambiare il protagonista della storia? Prepara una sorpresa da dedicare a un familiare o per festeggiare l’incontro con qualcuno di cui senti la mancanza in questo momento.

DEDICA AGLI ADULTI EDUCATORI
Leggere ai bambini è per gli adulti una preziosa opportunità formativa: piegarsi verso i bambini, porsi in gioco per fare della lettura un dono, ci rende più attenti e consapevoli. Attraverso la lettura condivisa siamo stimolati a recuperare la memoria del tempo perduto, a ritrovare l’anima fanciulla un po’ smarrita negli assalti dell’incalzante necessità, ad aprire sipari inconsueti all’immaginazione, ad acquisire potere introspettivo ed elasticità mentale.
A questo libro, che i nostri bambini hanno interpretato dandone letture teatralizzate indimenticabili, devo l’idea della forma scelta per esprimere alcune sensazioni di queste settimane. Mi sembra un ottimo esempio di come un buon libro illustrato offre spunti per riflettere e dialogare con i nostri bambini.

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito